LIBRARY FULL RECORD

Biblioteca di Medicina

Short name: Biblioteca di Medicina    Code: FG007    ICCU code: FG0148    SBN code: FOG U5    Library kind: Interdipartimentale o Equiparata
Data last updated on 2019
CONTACTS
Tel. 0881588008/09 Email bibliomedicina@unifg.it
Address
Viale Pinto, 1 c/o Ospedali Riuniti - 71122 Foggia
Web site
https://www.unifg.it/ateneo/organizzazione/sistema-bibliotecario/biblioteche-di-medicina-e-di-scienze-motorie
Staff
Director: Dott.ssa Isabella Tammone Technical manager: Dott. Pasquale Chiazzolla Scientific manager: Prof.Vito Capozzi Employees: 2
Archive holdings
Books: 2300 ACNP periodicals: 62, referred active: 1
Discipline
Scienze mediche, chirurgiche e infermieristiche Scienze biologiche e farmacologiche Scienze chimiche Scienze psicologiche
TIMETABLE
monday:
9:00-18:00        
tuesday:
9:00-18:00        
wednesday:
9:00-18:00        
thursday:
9:00-18:00        
friday:
9:00-14:00        
saturdat:
chiuso    
sunday:
chiuso    
SERVICES
Enabled services: ACNP Catalogue; It adheres to sbn; Reading seats: 70; Public terminals: 4; Services available: Bibliographic search online; Available media: cd-rom; Accessibility: Accesso senza barriere; Posti auto; Rampe; Ascensori; Servizi igienici; Banco info e prestito; Postazioni disabili motori; Postazioni disabilità visive e DSA; Other management systems: Sebina General notes: Ci sono n. 2 sale consultazione: una da n. 40 posti e l'altra da n. 30 posti di cui n. 2 per utenti diversamente abili. Dei n. 4 terminali al pubblico n. 1 a disposizione di utenti diversamente abili.
DOCUMENT DELIVERY
Servizio gratuito in regime di reciproco scambio riservato alle biblioteche.Le richieste vanno inviate per email indicando tutti i riferimenti utili al reperimento dell'articolo e i dati anagrafici della biblioteca richiedente.Gli articoli saranno inviati via nilde o mail. E-mail:bibliomedicina@unifg.it. L'adesione al servizio avverrà in osservanza delle normative vigenti sul diritto d'autore (L.633/1941 e successive integrazioni).
CONSULTATION AND LOAN
Consultation is available for: teachers; researchers; undergraduates; faculty students; university student; external users; Loan is available for: teachers; researchers; undergraduates; faculty students; university student; General notes: Ci sono n. 2 sale consultazione: una da n. 40 posti e l'altra da n. 30 posti di cui n. 2 per utenti diversamente abili. Dei n. 4 terminali al pubblico n. 1 a disposizione di utenti diversamente abili.
Regulation
BIBLIOTECA della FACOLTA. DI MEDICINA REGOLAMENTO Il presente Regolamento della Biblioteca della Facoltà di Medicina recepisce il .Regolamento quadro su funzioni e servizi delle Biblioteche d.Ateneo. dell.Università degli Studi di Foggia approvato con D.R. n. 706 del 11/06/2010 Art. 1 Funzioni della Biblioteca. La Biblioteca della Facoltà di Medicina, che attualmente comprende anche il punto di servizio di Scienze Motorie: a) conserva, tutela, valorizza e promuove le proprie raccolte bibliografiche, documentarie e informatiche; b) acquisisce, attraverso i propri capitoli di spesa e attraverso donazioni, la più qualificata e aggiornata produzione editoriale, nazionale e straniera, in base alle necessità didattiche e di ricerca dell.ateneo; c) acquisisce e rende disponibili nelle diverse forme le banche dati e le risorse bibliografiche in formato elettronico, anche attraverso adesione a Consorzi per la condivisione delle risorse e la cooperazione fra Biblioteche; d) documenta il posseduto attraverso il catalogo informatizzato di Ateneo; e) cura il collegamento con il Polo SBN della Provincia di Foggia, di cui è parte integrante; f) promuove la lettura e la conoscenza delle risorse attraverso tutte le possibili forme di promozione, didattica culturale e scientifica; g) fornisce strumenti di ricerca e di informazione che permettono e facilitano l.accesso alle fonti primarie e secondarie, interne ed esterne; h) svolge attività didattiche per promuovere la conoscenza del posseduto e la metodologia della ricerca bibliografica. Art. 2 - Organizzazione della Biblioteca Sono organi della biblioteca: 1) La Giunta di Biblioteca che svolge le seguenti funzioni: a) determina le linee di indirizzo scientifico della biblioteca e ne verifica l.attuazione; b) elabora proposte di sviluppo delle attività della biblioteca da sottoporre al coordinamento centrale; c) indica le priorità dei servizi rispondenti alle esigenze dell.utenza e ne controlla l.attuazione; d) stabilisce i criteri per la presentazione e l.accettazione delle proposte di acquisto; e) approva la proposta di scarico inventariale di materiale bibliografico obsoleto e desueto, presentata dal Direttore; f) delibera i regolamenti interni. Sono membri della Giunta: a. il Direttore Scientifico , eletto dal Consiglio di Facoltà; b. un numero congruo di docenti o ricercatori designati dal Consiglio di Facoltà a garanzia della rappresentanza degli ambiti disciplinari; c. un rappresentante degli studenti designato dalla Rappresentanza studentesca in Consiglio di Facoltà; d. il Direttore tecnico. 2) Il Direttore tecnico a. è tenuto ad operare in conformità agli indirizzi determinati dalla Giunta di Biblioteca ed alle direttive generali impartite dal Responsabile del Sistema Bibliotecario b. è responsabile della qualità, dell.efficienza e dell.efficacia dei risultati della gestione, dell.organizzazione e della sicurezza delle attività, nonché della erogazione e della conduzione dei servizi, in conformità con gli indirizzi formulati dalla Giunta di Biblioteca e con le linee di sviluppo enunciate dal Sistema Bibliotecario d.Ateneo; c. coordina e dirige il personale della Biblioteca; d. rappresenta la Biblioteca negli organi e nelle istanze del Sistema Bibliotecario di Ateneo e nei rapporti con l.esterno, nel proprio ambito di competenza. Art. 3 - Calendario e orari 1. La Biblioteca è aperta al pubblico nei giorni feriali, è ordinariamente chiusa il sabato e la domenica, nelle festività riconosciute dalla legge e nei periodi di vacanze estive o natalizie stabiliti dall.Amministrazione. Può essere altresì chiusa per esigenze di formazione specifiche di tutto il personale delle biblioteche. L.orario di apertura e di accesso ai servizi è reso noto mediante appositi avvisi e pubblicati sulla pagina web della biblioteca e del Sistema Bibliotecario di Ateneo. 2. Il Direttore Tecnico si riserva, in caso di necessità, informato il Responsabile del Dipartimento Sistema Bibliotecario, di modificare l.orario di apertura al pubblico dandone tempestiva comunicazione agli utenti. Art. 4 . Accesso 1. Alla Biblioteca sono ammessi, in qualità di utenti istituzionali, i professori, i ricercatori, gli studenti, gli specializzandi, gli assegnisti di ricerca, i dottorandi, i frequentanti i corsi di perfezionamento e Master, il personale di ricerca a contratto e il personale tecnico-amministrativo dell'Università degli Studi di Foggia. Sono altresì ammessi, previa domanda da inoltrare al direttore tecnico, gli utenti esterni distinti in: a) studenti (studenti di scuola media superiore e di altre Università, studenti provenienti da Università straniere per scambi di studio e culturali); b) personale dell.Azienda Mista Ospedaliero-Universitaria .Ospedali Riuniti.; c) studiosi appartenenti al mondo della scuola e della ricerca (professori di scuola di ogni ordine e grado, ricercatori di altre università o istituti italiani ed esteri, cultori della materia); d) altri utenti esterni che abbiano a vario titolo esigenza di consultare il materiale bibliografico presente nella Biblioteca. 2. Modalità d.accesso - L.accesso alla Biblioteca è libero ma limitato al numero di posti a sedere disponibili. Si può accedere alla sala lettura per motivi di studio, per consultare i testi presenti, per motivi di ricerca utilizzando i mezzi e le postazioni informatiche messe a disposizione da questa Amministrazione. 3. Chiunque utilizzi attrezzature e materiali, ivi compresi gli arredamenti, custoditi all.interno della Biblioteca, è responsabile per eventuali danni arrecati agli stessi. 4. Gli utenti possono introdurre nella Biblioteca solo materiale necessario per lo studio. Il personale della Biblioteca non è responsabile degli oggetti o beni personali introdotti dagli utenti nei locali o depositati nelle cassettiere. 5. Qualora le apparecchiature di rilevamento elettronico entrino in funzione, gli utenti sono tenuti a consentire che il personale verifichi l'eventuale possesso di materiale bibliografico o documentale della Biblioteca. Art. 5 - Norme di comportamento 1. Gli utenti devono avere un abbigliamento e mantenere un comportamento consono al decoro del luogo, in particolare è fatto divieto di: a) fumare o mangiare; b) parlare e studiare ad alta voce; c) utilizzare apparecchiature rumorose, inclusi i telefoni cellulari; d) arrecare disturbo in qualsiasi modo agli altri utenti; e) riservare i posti di lettura e occuparli oltre il necessario; f) servirsi in maniera impropria degli arredi, delle attrezzature e degli ambienti e impedire la piena agibilità da parte degli altri utenti dello spazio messo a disposizione; g) utilizzare gli strumenti informatici per fini diversi dalle attività di studio e ricerca; h) manomettere a qualsiasi titolo l'assetto del software e le apparecchiature hardware messe a disposizione; i) introdursi senza autorizzazione nei locali in cui hanno sede gli uffici del personale e utilizzare apparecchiature e materiali assegnati al personale; j) utilizzare impropriamente le uscite di sicurezza e limitarne l.accessibilità. 2. Le stesse norme, per quanto applicabili, debbono essere rispettate anche dal personale interno e da quello ausiliario esterno nonché da tutti coloro che, previa autorizzazione, sono ammessi a visite temporanee della Biblioteca. 3. È fatto obbligo al personale, di intervenire direttamente o su segnalazione degli utenti al fine di far rispettare le norme previste dal presente articolo, prendendo, di concerto con il Direttore tecnico e con il Responsabile del Sistema Bibliotecario le necessarie misure di prevenzione e sanzione. 4. Chiunque contravvenga alla normativa sopra indicata, fatta salva ogni responsabilità civile o penale, potrà essere escluso temporaneamente o definitivamente dalla Biblioteca. In particolare, chi si renda colpevole di sottrazioni o danneggiamenti di qualsiasi natura sarà escluso dai servizi della Biblioteca e deferito all'autorità giudiziaria. Potrà essere sospeso dai servizi della Biblioteca anche chi faccia segni o scriva, anche a matita, su libri o documenti, chi disturbi in qualsiasi modo l'attività di studio e di lavoro. In tutti i casi sopra indicati, resta l'obbligo del risarcimento del danno. Art. 6 . Consultazione 1. Per gli utenti ammessi alla Biblioteca è libero l.accesso ai cataloghi, alla consultazione del materiale in esse conservato a scaffale aperto, alla Sala di lettura ed alle postazioni multimediali per la consultazione delle risorse (banche-dati e cataloghi online) e per le ricerche finalizzate a motivi di studio o di ricerca. 2. L.utente dovrà rivolgersi sempre e solo al personale addetto per la consultazione e per la restituzione dei testi e/o delle riviste e comunque potrà prendere visione di massimo 5 unità documentarie (testi e/o riviste) per volta. E. autorizzata, inoltre, la consultazione del materiale di biblioteca ad utenti esterni all.Università, rispettando tutte le norme contenute nel presente Regolamento. Tutti gli utenti sono tenuti a compilare per la consultazione di testi e/o riviste l.apposito .Registro di consultazione., indicando i dati ivi considerati. 3. La consultazione dei documenti conservati nel deposito della Biblioteca è assicurata agli utenti durante l.orario di apertura del servizio. Le richieste di consultazione del materiale conservato nel deposito devono essere effettuate compilando gli appositi moduli disponibili al banco della distribuzione (presso l.ufficio amministrativo interno alla Biblioteca) e previa verifica dell.iscrizione informatizzata alla Biblioteca in qualità di utenti. 4. Possono essere richieste contemporaneamente fino a un massimo di 3 unità documentarie fra quelle conservate nel deposito della Biblioteca. 5. L.utente ha la possibilità di chiedere che gli venga riservato il deposito provvisorio del materiale in consultazione proveniente dai magazzini per una fruizione personale prolungata all.intera giornata successiva a quella della richiesta. 6. Il materiale antico, raro o di pregio, i manoscritti, le opere a stampa pubblicate prima del 1900 vengono concessi in lettura solo per motivate esigenze di studio. 7. II materiale manoscritto, raro o di pregio deve essere consultato con idonee e necessarie cautele per assicurarne la salvaguardia. In ogni caso l'utente deve effettuare la consultazione sui tavoli appositamente riservati e riconsegnare al personale addetto il documento avuto in lettura ogni volta che si allontani dalla sala anche per breve tempo. Art. 7 - Prestito 1. Il prestito è un servizio mediante il quale si realizza la disponibilità e la circolazione di documenti a livello locale, nazionale ed internazionale. 2. Sono ammessi al prestito soltanto gli utenti istituzionali e gli studenti provenienti da altre Università per scambi di studio e culturali (es. Erasmus ) 3. È assolutamente vietato all'utente prestare a terzi i documenti ricevuti in prestito. 4. La durata del prestito è variabile a seconda delle tipologie di documenti, da un minimo di 3 giorni lavorativi a un massimo di 30 giorni. Il prestito è rinnovabile, una sola volta, per una durata pari a quella concessa per il prestito. Il rinnovo è concesso soltanto se non sono pervenute nel frattempo altre richieste di consultazione o prestito. 5. I professori, i ricercatori, il personale di ricerca a contratto, gli assegnisti di ricerca e i dottorandi dell.Università possono ottenere in prestito documenti per un periodo di tempo massimo di 2 mesi, con l.obbligo di restituzione entro 15 giorni lavorativi nel caso pervengano richieste da parte di altri utenti. In caso di mancata restituzione entro i 15 giorni saranno applicate le sanzioni previste per il ritardo. 6. Gli studenti, i laureandi ed i dipendenti dell.Università degli Studi di Foggia possono avere in prestito contemporaneamente fino a 3 unità bibliografiche. I professori, i ricercatori, il personale di ricerca a contratto, gli assegnisti di ricerca, i dottori di ricerca, i cultori della materia autorizzati, gli specializzandi e i dottorandi possono ricevere in prestito contemporaneamente fino a 5 unità bibliografiche. 7. I laureandi, i dottorandi, gli iscritti ad altri corsi di perfezionamento scientifico, prima di conseguire il titolo di studio, devono aver restituito i documenti avuti in prestito dalle Biblioteche e aver consegnato agli uffici competenti un attestato, rilasciato dalle Biblioteche, in cui dichiarano di non avere in prestito documenti. 8. Sono escluse dal prestito le seguenti tipologie di documenti: a. opere di consultazione (enciclopedie, dizionari, repertori, codici, raccolte normative, ecc.); b. riviste; c. materiale su supporto non cartaceo; d. materiale di particolare pregio e rarità; e. i libri di testo salvo diversa disposizione degli organi competenti delle singole strutture f. le tesi di laurea. 9. In caso di particolari esigenze di studio, la direzione della Biblioteca può derogare a tali disposizioni e concedere eccezionalmente il prestito del materiale sopra elencato. 10. In caso di mancata restituzione entro i termini prefissati si solleciterà la restituzione dei volumi. L.utente che non restituisca i documenti entro la data di scadenza del prestito incorre nelle seguenti sanzioni: a. per un ritardo compreso fra 7 giorni e 1 mese: sospensione temporanea dal prestito per 2 mesi; b. per un ritardo compreso fra 1 e 3 mesi: sospensione temporanea dal prestito per 3 mesi; c. per un ritardo superiore ai 3 mesi: sospensione dal prestito per un numero di mesi pari a quelli del ritardo. 11. Nel caso in cui si è impossibilitati alla restituzione nel giorno prestabilito, l.utente ha il dovere di avvisare il direttore tecnico della biblioteca, concordando le modalità per la restituzione. 12. I documenti ricevuti in prestito dovranno essere usati e custoditi con la massima cura, evitando di danneggiarli,sottolinearli o segnarli in alcuna loro parte. All'utente che restituisca danneggiato o dichiari di aver smarrito un documento ricevuto in prestito è rivolto l'invito a provvedere al suo reintegro o alla sua sostituzione che, a giudizio della direzione, può avvenire con altro esemplare della stessa edizione, con esemplare di edizione diversa purché nella stessa completezza e di analoga veste tipografica o, se ciò sia impossibile, al versamento di una somma, da determinarsi dal medesimo direttore tecnico, comunque non inferiore al doppio del valore commerciale del documento stesso. Art. 8 - Servizi di prestito interbibliotecario e di fornitura documenti (Inter Library Loan e Document Delivery) 1. I servizi di prestito interbibliotecario e Document Delivery (Inter Library Loan & DD) provvedono a fornire il materiale bibliografico, o riproduzioni di questo, che non faccia parte del patrimonio dell